Barcellona, i numeri sono spaventosi: oltre un miliardo di debiti

Il Barcellona ha pubblicato il suo rapporto finanziario annuale e quella che emerge è una situazione preoccupante.

Quello che sta vivendo il Barcellona è un momento estremamente complicato. Se dal punto di vista prettamente sportivo è reduce da quattro vittorie consecutive in campionato, a destare preoccupazione è la sua situazione finanziaria.

Il club catalano ha infatti pubblicato il suo rapporto finanziario annuale e da quello che si evince c’è da registrare una passività di 1173 milioni di euro, con un debito a breve termine termine di circa 730 milioni di euro ed un capitale circolante netto che fa registrare un passivo di 602 milioni.

A pesare è stato certamente l’impatto del Covid-19 sugli introiti generati dal club, ma più in generale ci sono diverse voci che fanno riflettere.

Attualmente il Barcellona è letteralmente asfissiato da una massa salariale che rappresenta il 74% in rapporto alle entrate e la cosa ha spinto a intraprendere varie rinegoziazioni con diversi giocatori, al fine di differire il pagamento degli stipendi.

Tra gli aspetti che attirano maggiormente l’attenzione c’è poi la cifra che il club deve ad altri club per i vari trasferimenti. Sono ben 126 i milioni ancora da versare per varie operazioni in entrata, mentre ne deve ancora ricevere 46, il che si traduce ovviamente in una posizione di squilibrio.

Il Barcellona deve, ad esempio, ancora 29 milioni al Liverpool per Coutinho, 16 all’Ajax per De Jong, quasi 10 al Bordeaux per Malcom e molto spesso si paga di pagamenti da fare entro il 30 giugno.

Tra le cifre ancora da versare anche quelle per le acquisizioni di Arthur e Vidal, ovvero due giocatori che adesso militano in Italia.

Tra il denaro ancora da incassare ci sono invece 9,5 milioni dallo Zenit per Malcom, 6 dal Getafe per Cucurella e 4 dalla Roma per Carles Perez.

Next Post

La proposta della Lega Serie A a Spadafora: stadi aperti ai vaccinati

Lun Gen 25 , 2021
L'AD Luigi De Siervo spiega la situazione: "Il danno causato dalla pandemia è attorno ai 700 milioni di euro, rischia di salire fino a 1,2 miliardi".
P