Inter, Conte sull’espulsione: “Il recupero mi sembrava poco…”

L’allenatore dell’Inter non è soddisfatto per la gara pareggiata contro l’Udinese: “Noi dobbiamo guardare a noi stessi, non agli altri”.

L’allenatore dell’Inter, Antonio Conte, a Sky Sport, analizza così il pareggio ottenuto contro l’Udinese. Il tecnico nerazzurro è stato protagonista anche di un battibecco con l’arbitro Maresca. Il fischietto di Napoli, poi, ha espulso l’allenatore per proteste:

“Un po’ più di recupero poteva essere accordato. Ho protestato per il recupero e l’arbitro mi ha ammonito e poi espulso. Non eravamo d’accordo su quello. Quattro minuti mi sono sembrati pochi, l’arbitro deve prendere le sue decisioni e noi dobbiamo accettarle anche se non siamo d’accordo”.

Sul mancato aggancio al Milan, Conte non fa drammi.

“Noi dobbiamo guardare a noi stessi, non agli altri. Dobbiamo migliorare in quello che stiamo facendo. Ci sono dei margini di crescita, potevamo essere più precisi. Occasione persa? Come dico sempre, noi dobbiamo pensare a noi. Non dobbiamo pensare al Milan e alla sconfitta del Milan. Noi dobbiamo migliorare, ci sono margini di crescita. Oggi potevamo essere più precisi, è mancata la qualità nell’ultimo passaggio”.

Chiosa sul derby di Coppa Italia in programma martedì.

“Il campionato è importante per il club, anche a livello economico. Di certo il campionato è importante per il club rispetto alla Coppa Italia. Ma vogliamo onorare la Coppa Italia, vedremo anche chi ha recuperato”

Next Post

Conte: "Nervosismo? No, solo voglia di vincere"

Sab Gen 23 , 2021
Il tecnico dell'Inter dice la sua in conferenza sulle scelte del direttore di gara e sull'apparente nervosismo nerazzurro dopo il pareggio contro l'Udinese.
P