Milan, la certezza Kessié oltre il rigore sbagliato: “Continuerò a tirarli”

Ibra lo ha investito della responsabilità (“Lascio a lui i rigori”), l’ivoriano ha risposto a metà dal dischetto. Un neo nell’ennesima gara brillante.

12 segnati, soltanto due sbagliati. Il rapporto di Franck Kessié con i rigori, tra Atalanta e Milan, è sempre stato solido. Tanto da ricevere anche l’investitura da chi prima di lui era il rigorista. Ovvero: Zlatan Ibrahimovic. Che dopo l’errore col Verona, con il sorriso, ha deciso di lasciare all’ivoriano la responsabilità.

Contro la Fiorentina, complice l’assenza dello svedese a causa dell’infortunio muscolare rimediato contro il Napoli, il classe 1996 ne ha calciati due, uno segnato e uno invece respinto da Dragowski. Non ne sbagliava uno da due anni e mezzo, dal marzo 2018, nella partita contro il Chievo. Con il primo rigore, è anche diventato il terzo giocatore nato dal 1996 in avanti ad aver raggiunto 25 goal in A, dopo Chiesa e Lautaro.

Uno su due, 50%. Circa in linea con il rendimento generale del Milan. In stagione il conto dei rigori è di 5 segnati su 9: uno su uno di Calhanoglu, due su tre per Kessié; soltanto due su cinque per Ibrahimovic, che si è già macchiato di tre errori. Il prossimo, comunque, lo tirerà ancora l’ex Atalanta. Come ha sottolineato lui nel dopo partita, come riportato dal ‘Corriere dello Sport’.

“Con i rigori è così, si fa gol e si sbaglia. Ma il prossimo lo tiro ancora io. Pioli ha fatto i complimenti alla squadra, era una partita importantissima. È contento. Abbiamo iniziato forte, la Fiorentina è una squadra che va aggredita, così abbiamo fatto due gol subito”.

Il 55% di realizzazione dal dischetto – anche se, contro l’Inter, Ibrahimovic ha segnato sulla respinta di Handanovic – è lo score peggiore tra le squadre dei top-5 campionati europei in tutte le competizioni (quattro errori). Non ha comunque inciso sul rendimento generale rossonero, se non in parte l’errore di Ibra col Verona. Forse, ora, i rossoneri avrebbero due punti in più. Ma visto lo score e i 5 punti di vantaggio, a Milano forse nemmeno ci danno troppo peso.

Next Post

Milan a +5, prove di fuga: miglior rendimento nell'era dei tre punti

Lun Nov 30 , 2020
I rossoneri hanno fatto registrare la miglior partenza nell'era dei tre punti, segna da 29 gare consecutive e provano a staccare le dirette rivali.
P