Milan, Pioli: “Vittoria meritata, non molliamo di un centimetro”

L’allenatore dei rossoneri promuove la propria squadra: “Sa lottare fino alla fine”. Sul mercato: “C’è spazio per intervenire, vedremo presto”.

Il Milan passa il turno di Coppa Italia. I rossoneri vincono ai calci di rigore contro un volenteroso Torino. La squadra di Pioli ha sprecato molto nel secondo tempo della gara prendendo pure due pali. Alla fine però Rincon sbaglia e Calhanoglu no.

A Rai Sport a fine gara è soddisfatto l’allenatore dei rossoneri: “Non molliamo di un centimetro, sappiamo lottare, stringere i denti. Una partita complicata per via anche delle qualità del nostro avversario. Nel secondo tempo, soprattutto, però, potevamo evitare di andare ai supplementari, ma alla fine è una vittoria voluta e meritata”.

Sulla gara di Zlatan Ibrahimovic, al ritorno in campo dopo 51 giorni dall’ultimo match, Pioli è contento: “Abbiamo deciso insieme di farlo giocare dall’inizio, per via delle sue caratteristiche. Se fosse entrato a gara in corso, magari, avrebbe pure giocato di più. Sono soddisfatto, comunque, della sua prestazione”.

Il Milan vince e conquista i quarti di finale. Per Pioli è una soddisfazione e un’ulteriore certificazione della bontà del proprio lavoro: “Sto bene qui al Milan, mi hanno messo nelle migliori condizioni per giocare. Quando sto così bene è chiaro trasmettere serenità all’intero gruppo”.

Spazio pure al mercato: “Se ci sarà spazio per migliorare lo faremo, ci sono alcune situazioni vediamo. Donnarumma? Il suo rinnovo non lo dovete chiedere a me”.

I giovani del Milan vincono e convincono e forse l’assenza di pubblico all’inizio è stato un vantaggio come ammette lo stesso allenatore: “Ci manca tantissimo il nostro gruppo, forse all’inizio l’assenza di pubblico, per una squadra giovane, è stato meglio, adesso, però, il tifo ci darebbe una grande mano”. 

Next Post

Milan-Torino 5-4 dcr: rossoneri ai quarti di Coppa Italia

Mer Gen 13 , 2021
La resistenza dei granata dopo 120', ma i rossoneri alla fine passano il turno. Dal dischetto sbaglia Rincon, Calhanoglu segna il rigore decisivo.
P