Atletico campione, la rivincita di Suarez: “Titolo speciale dopo essere stato sminuito”

Luis Suarez festeggia dopo essere stato scaricato dal Barcellona. Beffa per i catalani, che stanno ancora pafando una parte del suo stipendio.

E’ bastata una sola stagione a Luis Suarez per meritarsi un posto nella storia dell’Atletico Madrid. Il bomber uruguaiano, che la scorsa estate era stato anche ad un passo dal vestire la maglia della Juventus, non solo si è rivelato decisivo nella corsa che ha condotto i Colchoneros alla conquista del titolo di campione di Spagna grazie ai 21 goal segnati in 32 partite, ma ha anche marcato nell’ultimo turno la rete sul campo del Valladolid che è valsa tre punti decisivi.

Una beffa nella beffa per il Barcellona, che ha visto il suo grande ex trionfare in Liga e che, come rivelato da ‘Sport’ qualche mese fa, sta ancora pagando una parte dello stipendio di Suarez: un accordo stipulato al momento dell’addio, poco meno di un anno fa, per forzare l’addio di un giocatore ormai indesiderato.

Suarez, parlando ai microfoni di Movistar dopo l’ultima partita di Liga, non ha nascosto la sua emozione. E ha dedicato un pensierino anche allo stesso Barça.

“Per noi è stata un’annata straordinaria. Ci hanno sottovalutato, proprio come hanno sottovalutato me al Barcellona. Mi sono sentito sminuito e volevo dimostrare a tutti di essere ancora un giocatore di alto livello. Ringrazio l’Atletico Madrid che mi ha dato questa possibilità e ringrazio mia moglie e i miei figli che hanno creduto in me. Sapevo che c’era da lavorare e l’ho fatto rimettendomi in gioco. Ho sempre dato tutto, ma questo è stato l’anno più difficile e per questo sono molto felice”.

Per Suarez si tratta di una sorta di rivincita. I suoi 21 goal sono infatti valsi 21 punti, nessun giocatore ha fatto meglio in questa edizione della Liga.

“Il merito è di tutti, anche se poi il mio compito è quello di segnare goal. Siamo stati i migliori e i più regolari nel corso del torneo. Anche quando gli avversari si sono riavvicinati, siamo stati bravi a concentrarci solo su noi stessi. Questo titolo mi rende ancora più contento dopo quello che ho vissuto, in tanti mi hanno sottovalutato”.

Il bomber dell’Atletico Madrid si è confermato un fattore in Liga.

“Tutto questo è speciale, dopo quello che ho dovuto subire. I miei numeri sono lì: ho vinto cinque campionati su sette. Messi? Siamo amici e credo che sarà comunque contento”.

Next Post

Luis Suarez, il re della Liga

Sab Mag 22 , 2021
L'Atletico Madrid è campione di Spagna, ecco i numeri che dimostrano il perché Simeone deve ringraziare soprattutto il suo attaccante
P