Audero ricorda la Juventus: “Di Cardiff si è parlato troppo, in realtà successe poco”

Emil Audero minimizza il famoso episodio di Bonucci sullo sgabello a Porto nel 2017: “Ci fu un diverbio con Allegri ma poi tornò la pace tra di loro”.

La stagione 2016/2017 fu densa di soddisfazioni per Emil Audero che, nell’ultimo turno di campionato, fece il suo esordio con la Juventus al ‘Dall’Ara’ di Bologna: una settimana prima del 3 giugno, giorno della finale di Champions League persa dai bianconeri contro il Real Madrid.

Il portiere italo-indonesiano partecipò alla spedizione di Cardiff, attorno alla quale si è detto tutto e di più: l’ipotesi che ci sia stata una rottura all’interno dello spogliatoio proprio nell’intervallo della sfida è quella che va per la maggiore, anche se Audero ha preferito rimpicciolire il ‘caso’ ai microfoni di ‘FanPage’.

“Quell’anno fu bellissimo ed è stato l’anno in cui ho fatto l’esordio quindi lo ricorderò sempre. Arrivare ad una finale di Champions te lo fa ricordare ancora di più. Per me quella Juve era una della più forti degli ultimi anni, anche messa a confronto con quelle recenti come gruppo e come personalità all’interno dello spogliatoio. Poi ha cercato sempre di cambiare e migliorare ma quella lì aveva qualcosa in più. Il finale amaro rovinò un po’ il viaggio ma, che dire, sono ricordi bellissimi. A vent’anni arrivare in finale di Champions e debuttare una settimana prima sono cose che rimangono impresse. Si è parlato troppo dell’intervallo di Cardiff ma in realtà poi era successo poco. Un’annata bellissima, squadra composta da campioni veri e per tante cose quella stagione rimarrà sempre nella mia mente”.

Audero era in tribuna a Porto in occasione dell’andata degli ottavi di Champions League, la famosa gara saltata da Bonucci dopo un diverbio con Allegri e vista dal difensore su uno sgabello punitivo accanto alla dirigenza bianconera.

“Il ricordo principale è che abbiamo vinto 2-0. C’è stata spesso una foto che è girata dove c’ero io sullo sfondo e Bonucci in tribuna. Qualche giorno prima c’era stata un diverbio tra Bonucci e Allegri e la società aveva deciso di lasciarlo fuori per quell’incontro. È stato più un fatto unico che altro, visto che poi i due si erano riappacificati. Io ero lì perché essendo il terzo facevo riscaldamento e poi andavo in tribuna. È stato carino perché ci hanno fatto su mille cose ma era finito lì”.

Next Post

Alla scoperta della Lazio eSports: il nostro Faccia a faccia con Asap_Tom96 e Fabio_ulous

Mer Mar 31 , 2021
Alla scoperta della Lazio eSports: il nostro Faccia a faccia con Asap_Tom96 e Fabio_ulous
P