Dzeko emblema di una Roma spenta: nel derby un tiro in porta all’85’

La Roma è stata travolta dalla Lazio nel derby. Tra i giallorossi che hanno maggiormente deluso c’è certamente Edin Dzeko.

Serviva una vittoria alla Roma per ottenere quei tre punti che le avrebbero permesso di confermarsi nella scia delle primissime della classe e per assicurarsi la permanenza al terzo posto nella classifica del campionato ed invece, nel derby contro la Lazio è arrivato il più clamoroso dei crolli.

Quella che si è giocata venerdì sera all’Olimpico è stata una stracittadina senza storia. I biancocelesti di Simone Inzaghi hanno dominato in lungo e largo per tutte le fasi della contesa, la punto che il 3-0 finale forse non rappresenta alla perfezione il divario tecnico ed agonistico che si è visto in campo.

In una partita nella quale sono stati in pochi i giocatori giallorossi a salvarsi (alcune prestazioni sono state addirittura disastrose) a spiccare è stata soprattutto la prova offerta da Edin Dzeko. Sceso in campo con la fascia da capitano al braccio e con il compito non solo di segnare, ma anche di essere il leader tecnico di una squadra chiamata a superare un esame importante, l’attaccante bosniaco è parso fin dai primissimi minuti non in serata, tanto da risultare praticamente impalpabile.

Al suo attivo risultano un’occasione mancata sullo 0-0, un paio di sponde e di fatto nulla di più. Ha rimbalzato contro il muro Acerbi senza impensierirlo mai realmente e alla fine c’è un dato che racconta meglio di qualunque altro il suo derby: ha effettuato un unico tiro in porta e all’85’, quando cioè la situazione era ormai giù ampiamente compromessa.

A confermare come la sua sia stata una prestazione deludente tanto dal punto di vista tecnico, quanto da quello caratteriale, quanto accaduto nel corso del primo tempo: in un’Olimpico tristemente vuoto, si è avvertita indistintamente la voce di Paulo Fonseca che ha chiesto a Dzeko di farsi sentire di più.

Una richiesta evidentemente caduta nel vuoto, visto che il capitano giallorosso è stato travolto dall’ondata biancoceleste come tutti i suoi compagni.

Proprio Fonseca, parlando a fine gara ai microfoni di Roma TV, ha voluto porre l’accento sulla mancanza di carattere mostrata dalla sua squadra nel corso della sfida.

“La Lazio è stata più aggressiva di noi e dopo il loro secondo goal non abbiamo reagito come avremmo dovuto. Magari alla Roma manca l’esperienza per gestire questo tipo di partite”.

In una serata da dimenticare, Dzeko è stato quindi l’emblema di una squadra che semplicemente non si è rivelata all’altezza delle aspettative e del compito.

Next Post

Rooney, l'uomo dei record

Sab Gen 16 , 2021
L'ex stella dello United appende gli scarpini al chiodo e diventa allenatore a tempo pieno
P