Godin e l’addio all’Inter: “E’ stata una scelta di Conte”

Diego Godin torna sui motivi della separazione con l’Inter: “Bisogna chiedere a Conte, Marotta e Ausilio. Con Ibrahimovic siparietto divertente”.

Una sola missione in mente, da portare a termine nelle prossime settimane: salvare il Cagliari è l’obiettivo primario di Diego Godin, ritrovatosi dalla lotta per la conquista di una coppa europea con l’Inter alla lotta per non retrocedere con i sardi.

Proprio della conclusione dell’esperienza milanese ha parlato in occasione dell’intervista concessa a ‘La Gazzetta dello Sport’, facendo capire come si sia trattato di una scelta presa dal tecnico e dalla società e non dal diretto interessato.

“Questo dovrebbe chiederlo a Conte, Marotta, Ausilio. È stata una scelta dell’allenatore. Avevo fatto tre anni di contratto”.

Nel secondo tempo di Cagliari-Milan è andato in scena un ‘siparietto’ con Zlatan Ibrahimovic, rivoltosi in tono polemico proprio nei confronti di Godin subito dopo la rete del raddoppio rossonero.

“Non amo chi mi manca di rispetto. Con Ibra è stato un siparietto divertente, io lo insultavo nella mia lingua, lui nella sua, ma è solo roba di campo”.

Il bilancio con il Cagliari non è da buttare, anche se il raggiungimento della salvezza darebbe grande lustro ad una stagione iniziata non nel migliore dei modi.

“Voglio dare di più. Ho faticato all’inizio. All’Inter ero in una situazione non semplice, poi il trasloco, quindi nazionale, Covid e un fastidio al polpaccio. Ora mi sento proprio bene”.

Next Post

Dunne e Wright-Phillips sicuri: "Haaland per il dopo-Aguero"

Mer Mar 31 , 2021
I due ex giocatori del Manchester City sono convinti che il gioiello del Borussia Dortmund sia la scelta migliore per sostituire il Kun
P