Godin non concorda con Vigorito sul rigore: “Non tutti i contatti sono fallo”

Secondo Godin, non c’è fallo di Asamoah in Benevento-Cagliari: “Viola va giù prima”. Semplici: “Se rivedendolo non è chiaro, il contatto non c’è”.

Il presidente Oreste Vigorito è un fiume in piena per la decisione di concedere e poi togliere al Benevento un calcio di rigore per un contatto in area tra Asamoah e Viola. Mentre Diego Godin, centrale del Cagliari, nel post partita si dimostra di parere opposto.

“Era rigore?”, gli chiedono dagli studi di ‘Sky’. E Godin, tranquillamente, risponde di no. Argomentando la propria idea.

“Non tutti i contatti sono fallo. Asa va a cercare la palla, ma ferma il piede un attimo prima. Il giocatore del Benevento va giù prima, cerca il contatto. Il rigore deve essere dato per un fallo vero, non è la stessa cosa un fallo in area e uno a metà campo”.

In precedenza, la stessa domanda era stata fatta anche a Leonardo Semplici.

“Dalla panchina sembrava rigore, ma non l’ho rivisto, non saprei dire. Se rivedendolo non era chiaro, immagino che non ci fosse nessun contatto. Se è stato giudicato così, significa che il contatto non è stato ravvisato”.

Mentre da Benevento le proteste sono furenti, insomma, a Cagliari è definitivamente tornata la serenità dopo una prima parte di stagione disastrosa. Salvezza ormai vicina, proprio a discapito del Benevento. Che un pomeriggio così se lo ricorderà a lungo.

Next Post

Inzaghi e la frustrazione del Benevento: "I ragazzi piangevano, si sentivano derubati"

Dom Mag 9 , 2021
Il tecnico non nasconde la delusione per la sconfitta col Cagliari: "L'arbitro mi ha detto che il tocco c'è, ma è lieve: così è finito tutto".
P