Il piano dell’UEFA per la ripartenza: nuove regole e coppe blindate

L’UEFA vara il piano per scongiurare lo spauracchio Superlega: nuove regole di iscrizione alle coppe e fedeltà assoluta.

Quella che era più di una ipotesi, ossia un fronte formato da dodici dei club più influenti in Europa, ha fatto trascorrere ore pessime in quel dell’ UEFA: in particolare ad Aleksander Ceferin, che non ha risparmiato critiche nemmeno tanto velate ai fautori della Superlega, Andrea Agnelli in primis.

Ora che questa possibilità si è sciolta come neve al sole, il massimo organo calcistico continentale prepara un piano per evitare che una situazione del genere si ripeta in futuro, e che qualcun altro possa tornare a flirtare con idee secessioniste.

Come riportato da ‘La Gazzetta dello Sport’, nell’Esecutivo straordinario che si terrà venerdì verranno discusse le dodici sedi del prossimo Europeo (Bilbao è tra le città che rischiano di non poter ospitare le partite) e, soprattutto, si fisseranno i paletti necessari per la ripartenza dopo la burrasca.

Innanzitutto sarà attuato un blindamento delle coppe con regole ferree per salvaguardare l’integrità dell’intero sistema: le società dovranno impegnarsi al rispetto delle norme per decenni mostrando fedeltà e dedizione alla causa comune, abbandonando ogni idea di ‘indipendenza’ che possa mettere a repentaglio l’unione invocata a più riprese da Ceferin. Chi non seguirà tali norme, andrà incontro a conseguenze sia sotto l’aspetto sportivo che economico.

Il messaggio lanciato all’UEFA dai ‘ribelli’, però, è stato chiaro: le difficoltà economiche accentuate dalla pandemia sono sotto gli occhi di tutti e un nuovo calcio più sostenibile dal punto di vista dei costi (attraverso l’introduzione di un salary cap ad esempio) sarebbe uno scenario utile a scongiurare il collasso.

Sempre venerdì, come riferito dal ‘Corriere dello Sport’, l’Esecutivo valuterà le posizioni delle due big di Spagna ( Barcellona e Real Madrid ) e della Juventus: praticamente impossibile che si arrivi alla punizione estrema dell’estromissione per un anno dalle coppe, più facile pensare ad un’ammenda economica per aver arrecato un danno d’immagine all’organo con sede a Nyon.

Chiusura dedicata alla riforma della Champions, che entrerà in vigore nel 2024: potrebbe però essere anticipata di un anno, nonostante i contratti televisivi con le varie emittenti per il triennio siano stati già firmati da qualche settimana.

Next Post

Il Milan non dorme mai sul mercato: nel mirino di Maldini c'è il "nuovo Pogba"

Gio Apr 22 , 2021
Il Milan non dorme mai sul mercato: nel mirino di Maldini c'è il "nuovo Pogba"
P