Immobile in crisi da goal: non segna da due mesi

Tra Champions e Serie A, l’attaccante della Lazio non trova il goal da otto gare: nonostante ciò, sono 14 le reti segnate in campionato.

Ha ricominciato a correre la Lazio, mettendo insieme la terza vittoria consecutiva contro lo Spezia. Dopo qualche sconfitta di troppo che ha tarpato le ali in chiave Champions League, la formazione capitolina si avvicina nuovamente alle posizioni di testa. Anche senza Ciro Immobile.

Da qualche tempo, infatti, il capocannoniere della Serie A in carica e vincitore dell’ultima edizione della Scarpa d’Oro europea non riesce più a trovare la via del goal con la maglia della Lazio. Tra Champions e campionato, zero reti negli ultimi due mesi per Immobile.

A secco nell’andata di Champions contro il Bayern e successivamente in panchina per il ritorno, Immobile non ha inserito il suo nome nel tabellino nelle ultime sette gare di campionato (sbagliando un rigore contro il Bologna), in cui la Lazio ha rimediato anche tre sconfitte, oltre a quattro successi.

La rete con la Nazionale azzurra ha solamente mitigato questo periodo, visto e considerando che Immobile anche da quel punto di vista appariva in difficoltà, con il goal all’Irlanda del Nord arrivato due anni dopo l’ultima realizzazione con la casacca dell’Italia.

Dati negativi per Immobile, che comunque ha messo insieme ben 14 reti nel suo campionato, grazie alla solita partenza sprint. Proprio per le sue consuete caratteristiche devastante, appare strano vederlo fermo da diverse giornate, come non accadeva da anni.

Praticamente impossibile agganciare le 36 reti della passata stagione, ma l’obiettivo delle venti, con conseguente possibile approdo della Lazio tra Champions ed Europa League, sembra essere facilmente raggiungibile. Serve solo la scintilla per sbloccarsi. Prossimamente.

Next Post

Il racconto di Mathieu: "Non volevo andare al Barcellona, ho creato un contratto falso"

Dom Apr 4 , 2021
Nel 2014 il difensore francese voleva rimanere al Valencia: "Ho scritto una cifra che era a metà tra la loro offerta e quanto guadagnavo".
P