Inter campione, Marotta: “Concorrenza distanziata, merito della nostra squadra”

L’AD nerazzurro si gode lo scudetto, il primo a Milano: “Il merito di Conte è grandissimo, il gap che c’era due anni fa era notevole”.

L’Inter vince lo Scudetto numero 19 della propria storia, il primo dopo 11 anni, interrrompendo un dominio della Juventus che durava da 9 anni.

Giuseppe Marotta, come Conte, è il comun denominatore tra bianconeri e nerazzurri. A ‘Sky Sport’ l’AD dell’Inter ha applaudito la squadra.

“Il gap che c’era era consistente e notevole. Quest’anno il fatto di aver vinto a 4 giornate dal termine è tutto un merito della nostra squadra. Siamo a 82 punti, potenzialmente possiamo farne 94. La squadra è andata a una velocità notevole. Le concorrenti sono abbastanza distanziate”.

Tanti meriti per il successo, ovviamente, vanno riconosciuti ad Antonio Conte, scelto da Marotta.

“Il merito di Conte è grandissimo. Non aveva una squadra con molti giocatori che hanno vinto. Lukaku ieri era molto emozionato, per lui è stato un traguardo straordinario. Ho proposto Conte perché era l’allenatore giusto al momento giusto nel posto giusto.

Quando Conte ha fatto le sue esternazioni era per stimolare la società. Ha una velocità forte nel fare le cose, noi andiamo a rilento. Si è verificato un conflitto di stimolo, volevamo essere felici quando raggiungevamo qualcosa di importante”.

Il futuro per Marotta è tra aspirazioni di continuità e di vittorie, con l’obiettivo seconda stella da cucire sul petto.

“Ci troviamo in un momento delicato, c’è stata una contrazione dei ricavi nei club di prima fascia. Del futuro però ne parleremo più avanti. Sarebbe bello vincere anche l’anno prossimo perché vorrebbe dire la seconda stella”.

Next Post

Lukaku festeggia in auto per Milano: "Orgoglioso di essere dell'Inter"

Lun Mag 3 , 2021
L'attaccante belga si riprende in diretta su Instagram mentre festeggia per le strade della città: "È il momento di festeggiare con la gente".
P