Inter, Stellini e la mossa decisiva: “Sanchez ed Eriksen hanno cambiato la partita”

Il vice allenatore dell’Inter, Stellini, ha parlato dopo la vittoria contro l’Inter: “Queste sono partite complicate da vincere”.

Tre punti in cascina per l’Inter, in una partita molto complicata contro il Torino. Anche orfana di Antonio Conte, visto che i nerazzurri sono stati guidati oggi in panchina da Stellini, vista la squadralifica del tecnico pugliese.

Ai microfoni di ‘Sky Sport’, proprio Stellini è intervenuto dopo la partita, mostrandosi molto orgoglioso per i tre punti guadagnati.

“Sono vittorie molto importanti, visto che queste partite non sono semplici da giocare. Le squadre ti aspettano e non ti concedono molto. Ci vogliono grandi giocate o episodi. Con il rigore abbiamo sfruttato l’episodio, mentre con il goal di Lautaro abbiamo fatto una grande giocata”.

Il vice-allenatore dell’Inter rivela anche di aver studiato già in settimana gli ingressi dalla panchina di Sanchez ed Eriksen.

“L’ingresso di Eriksen e Sanchez ha cambiato certamente la partita, ma noi lo sapevamo. Ci aspettavamo da loro due un cambio di marcia, ci avevamo lavorato in settimana”.

Il danese, in particolare, ha ormai capito come giocare al meglio in questa squadra ed il risultato è evidente.

“Eriksen ha svoltato le sue prestazioni, nell’essere decisivo all’interno della squadra. Non so se era un problema di serenità, c’è anche l’ambientamento al calcio italiano, che è complicato. Adesso lui si è integrato perfettamente”.

Stellini chiude l’intervista parlando anche dell’affiatamento

“Lautaro e Lukaku hanno tante frecce nel loro arco, visto che uno completa l’altro e hanno caratteristiche diverse. Hanno entrambi grande spirito di sacrificio, poi in allenamento provano tanti dettagli, soprattutto adesso che abbiamo settimane piene”.

Next Post

Parma-Roma 2-0: Mihaila-Hernani, giallorossi affossati al Tardini

Dom Mar 14 , 2021
Il Parma si rilancia superando con un goal per tempo una Roma troppo brutta per essere vera: a segno Mihaila e Hernani su calcio di rigore.
P