Lichtsteiner punge l’Inter: “Per vincere doveva comprare gli juventini”

Stephan Lichtsteiner definisce la Juventus “un orologio in difficoltà”, lancia una frecciata all’Inter e dà fiducia a Pirlo: “Merita un’altra chance”.

Stephan Lichtsteiner ha lasciato il calcio un annetto fa, e da allora ha completamente cambiato vita: da qualche tempo è impegnato in uno stage in un’orologeria, scelta apparentemente bizzarra per un’ex calciatore ma forse non per lui, originario della Svizzera.

La Juventus, però, gli è rimasta nel cuore. E non potrebbe essere altrimenti: sette anni a Torino, dal 2011 al 2018, e altrettanti Scudetti vinti. Calcio e orologi: è il nuovo binomio dell’ex treno di Adligenswil. Ed è dunque naturale che, parlando del momento di appannamento bianconero dopo anni di trionfi in serie, la metafora scelta in un’intervista a ‘Tuttojuve.com’ sia proprio questa.

“Un orologio che non funziona? Più che non funzionante, è un orologio in difficoltà. La Juve è in una fase in cui sta costruendo un nuovo ciclo vincente, penso che prima o poi dovesse arrivare l’anno in cui andavi in difficoltà. Purtroppo nel calcio non si può vincere in eterno. A mio parere bisogna guardare il bicchiere mezzo pieno, è già stata vinta una Supercoppa e c’è la possibilità di vincere la Coppa Italia. Non è che torni a casa senza niente. E’ chiaro che l’ambiente si è abituato bene negli ultimi anni con la vittoria del campionato, ma non è mai scontato ripetersi”.

Parte della tifoseria, però, contesta le scelte dirigenziali operate negli ultimi anni.

“Per me è giusto riporre la propria fiducia nei confronti di una dirigenza che sta vincendo da tanti anni. C’è la forza di aprire un nuovo ciclo, magari per centrare la Champions League che è l’unico traguardo mai raggiunto. L’unica cosa che non ho capito è come mai la Juve sia uscita negli ultimi tre anni contro squadre inferiori e alla propria portata. Escludendo l’anno in cui siamo usciti nel girone, ricordo che le squadre che ci avevano eliminato erano le più grandi d’Europa come Bayern e Real. In un modo, poi, abbastanza rocambolesco”.

In campionato a comandare è l’Inter. Ed è proprio nei confronti dei nerazzurri che Lichtsteiner si lascia andare a una frecciata.

Penso che bisogna fare i complimenti all’Inter perché ha capito che per vincere doveva comprare gli juventini. Ricordiamoci che dopo la tempesta, esce sempre il sole”.

Ma Lichtsteiner riconfermerebbe Pirlo alla guida della Juventus? Risposta affermativa.

“Sì, Andrea merita un’altra chance. La dirigenza sapeva quali erano i rischi nel momento in cui lo hanno scelto come allenatore, per cui avranno sicuramente pianificato il fatto di non rivincere il campionato. Se dovesse raggiungere la qualificazione in Champions, penso sarebbe corretto permettergli di lavorare ancora per un altro anno”.

Next Post

Meret non trova spazio al Napoli e può andare via. L'Inter ci pensa come post Handanovic

Gio Mar 25 , 2021
Meret non trova spazio al Napoli e può andare via. L'Inter ci pensa come post Handanovic
P