Pallotta svela un retroscena: “Totti voleva fare l’allenatore”

Torna a parlare l’ex presidente della Roma, che racconta anche l’ammirazione per la Juventus: “Li guardavo e dicevo: questo è ciò che voglio”.

Sulle colonne di ‘The Athletic’ è tornato a parlare l’ex presidente della Roma, James Pallotta. L’imprenditore nativo di Stoneham ha ceduto la società giallorossa al gruppo Friedkin lo scorso 5 agosto, dopo averla rilevata nel febbraio del 2011. Tanti gli spunti, due gli spunti principali.

Se dici Roma non si può non pensare a Francesco Totti.

“È stato a Roma per 30 anni. Ogni giorno si alzava e andava a Trigoria. Accettammo di onorare l’impegno della proprietà precedente con un contratto da 6 anni come dirigente. Ebbi una discussione con lui, chiedendogli cosa avrebbe voluto fare nella vita dopo il ritiro. Rispondere era difficile per la Roma e lo era per lui.“.

Su quello che la bandiera giallorossa avrebbe voluto fare una volta appese le scarpe al chiodo.

“Totti voleva allenare. Gli dissi che doveva capire che per allenare non solo avrebbe dovuto studiare, ma farlo per 80 ore a settimana e che non capivo perché volesse fare quello. E allora gli abbiamo portato dei professori e abbastanza rapidamente decise che allenare non fosse la cosa giusta per lui. Gli dissi che aveva uno stile di vita bello e che il contratto di 6 anni da dirigente, che per molte persone era un ottimo contratto con molti soldi, lo avrebbe abituato a uno stile di vita leggermente diverso. E abbiamo parlato di coinvolgerlo nel marketing e nello staff degli sponsor, in modo tale che avrebbe potuto aiutare a chiudere certi affari. Da possibile direttore tecnico aveva degli input, e noi veramente volevamo che ne avesse anche di più. Lo abbiamo invitato numerose volte a Boston per le riunioni, a Nantucket, a Londra“.

Durissimo invece il giudizio di Pallotta sull’ex direttore sportivo Monchi.

“Ci incontrammo a Londra diverse volte. Il primo incontro fu con Franco Baldini: nella sua shortlist Monchi non c’era. Mi prendo tutta la colpa di essermi fottuto da solo. Sono rimasto a guardare e fu un errore. Non accettava aiuti esterni, dopo un mese era chiarissimo. Sentiva di dover dimostrare che era Monchi, che non avrebbe ascoltato nessuno o considerato i nostri dati. Niente. Zero. L’altro errore che ho fatto è che avrei dovuto realizzare che si chiama da solo Monchi… È come chiamarsi da soli Madonna. Doveva essere un allarme. Piano B? Non puoi avere un piano B se non hai un piano A. E non penso che avesse un piano A. Zaniolo? Il 100% del merito va a Baldini. Franco chiamò l’Inter e disse loro che non avremmo ceduto Nainggolan se non in cambio di Zaniolo. Monchi chiese chi fosse”.

Infine, l’ammirazione nei confronti della Juventus.

“Il primo anno in cui gestivo la squadra, quello che mi ha colpito è stata la Juventus. La difesa bianconera era dura, cattiva. Li guardavo e dicevo: ‘Questo è ciò che voglio’“

Next Post

Odegaard triste alla prospettiva di dover lasciare il Real: ipotesi Premier per il suo futuro ma occhio all'Inter

Lun Apr 5 , 2021
Odegaard triste alla prospettiva di dover lasciare il Real: ipotesi Premier per il suo futuro ma occhio all'Inter
P