Parma-Atalanta 2-5: Dea devastante, Champions League vicina

Grazie alle reti di Malinovskyi, Pessina, Muriel (doppietta) e Miranchuk, l’Atalanta torna al secondo posto. Al Parma non bastano Brunetta e Sohm.

L’Atalanta non si ferma, passa anche a Parma e lancia un segnale chiaro e preciso alle altre concorrenti per un posto in Champions League. La Dea c’è, eccome se c’è. E non si fa deconcentrare dall’apparente morbidezza di una sfida, quella del Tardini, contro un avversario senza più obiettivi dopo la retrocessione di inizio settimana.

Finisce 5-2 per gli uomini di Gasperini, ed è un risultato che ci sta tutto per l’enorme mole di gioco e il numero di occasione create. Nel primo tempo sblocca Malinovskyi, sempre più protagonista in questo finale di campionato: botta mancina da fuori e Sepe è battuto. Nella ripresa un altro mancino, Pessina, trova il raddoppio con un diagonale. E in mezzo anche una traversa colpita da Zapata. Tutto piuttosto facile.

Il tris è di Muriel, che poco prima si era divorato un goal mica male: tocco di Pasalic per il colombiano, destro piazzato davanti a Sepe e 3-0. Brunetta accorcia, ben servito da Busi, ma non è che un’illusione: il 4-1 è ancora di Muriel, che si fa trovare al posto giusto nel momento giusto e ribadisce in rete un pallone respinto dal palo dopo un sinistro di Pessina. Di Sohm, dopo aver saltato Sportiello in dribbling, il punto del 2-4. E di Miranchuk, dopo un doppio intervento di Sepe su Pasalic, quello del definitivo 2-5.

Insomma, un dominio totale. E un altro balzo in classifica: l’Atalanta supera nuovamente il Napoli, stacca Juventus e Milan e si riporta da sola al secondo posto. Concorrenti avvisate: per il terzo anno di fila, la Dea vuole assaporare l’atmosfera della Champions League.

TABELLINO E PAGELLE

PARMA-ATALANTA 2-5

Marcatori: 12′ Malinovskyi (A), 52′ Pessina (A), 77′ Muriel (A), 78′ Brunetta (P), 86′ Muriel (A), 88′ Sohm (P), 93′ Miranchuk (A)

PARMA (4-3-3): Sepe 5.5; Busi 5.5, Bruno Alves 5, Osorio 5, Gagliolo 5 (80′ Conti s.v.); Grassi 5 (61′ Valenti s.v.), Sohm 6, Kurtic 5; Kucka 5 (76′ Camara s.v.), Cornelius 5 (76′ Brunetta 6), Gervinho 4.5 (61′ Pellè s.v.).

ATALANTA (3-4-2-1): Sportiello 6; Palomino 6.5, Romero 6.5, Djimsiti 6.5; Maehle 6, De Roon 6.5, Freuler 6.5 (76′ Pasalic 7), Gosens 6.5 (68′ Hateboer s.v.); Ilicic 6.5 (46′ Pessina 7), Malinovskyi 7.5 (58′ Miranchuk 6.5); Zapata 5.5 (46′ Muriel 7.5).

Arbitro: Giua

Ammoniti: Grassi, Hateboer

Espulsi: –

Next Post

Godin non concorda con Vigorito sul rigore: "Non tutti i contatti sono fallo"

Dom Mag 9 , 2021
Secondo Godin, non c'è fallo di Asamoah in Benevento-Cagliari: "Viola va giù prima". Semplici: "Se rivedendolo non è chiaro, il contatto non c'è".
P