Quarta Champions per Kovacic: solo 10′ giocati nelle quattro finali

Mateo Kovacic ha fatto sua la quarta Champions in carriera: 10 minuti in campo nella finale di Porto, addirittura zero in quelle col Real Madrid.

L’età di Mateo Kovacic è ancora giovane per un calciatore: 27 anni non sono tanti e, anzi, è proprio questo il momento giusto per maturare e imparare dagli errori commessi in passato.

Eppure, nonostante abbia davanti diversi anni ancora, il centrocampista croato può vantare un palmares davvero invidiabile: con quella conquistata a Porto con il Chelsea, sono quattro le Champions League nella personale bacheca.

L’ex Inter è subentrato a dieci minuti dalla fine nella finalissima contro il Manchester City e ha quindi offerto il suo contributo nella resistenza al forcing finale della squadra di Guardiola, interamente votata all’attacco nel tentativo di prolungare quantomeno la gara ai tempi supplementare con la rete del pareggio.

Per Kovacic una gioia immensa, ma non di certo sconosciuta: già nel 2016, 2017 e 2018 aveva allenato i bicipiti quando vestiva la maglia del Real Madrid, prendendo parte ad una delle ere vincenti che hanno fatto la storia del calcio europeo.

In occasione dei trionfi con i ‘Blancos’, Kovacic non aveva disputato neanche un minuto nelle tre finali contro Atletico Madrid, Juventus e Liverpool: proprio di questa particolarità aveva parlato ai nostri microfoni soltanto pochi giorni fa.

“È stato fantastico far parte di quel Real Madrid, vincendo tre titoli di fila, ma anche deludente non aver giocato nemmeno un minuto in finale. Pensavo di meritare di giocare, perché ho dato molto a quella squadra. Molti giocatori avevano una possibilità, io no. Ma questo è il calcio. È la vita”.

Quattro Champions in saccoccia con il ‘minimo sforzo’, senza dimenticare l’Europa League sollevata nel 2019 sempre con i ‘Blues’ dopo la finale tutta inglese vinta con l’Arsenal e giocata da titolare: forse – col senno di poi – il successo che più di tutti gli appartiene.

Next Post

Muller il condottiero: "Voglio essere la miccia della squadra"

Dom Mag 30 , 2021
L'attaccante del Bayern chiamato con Hummels a fare da chioccia ad una nazionale giovane.
P