Real Madrid-Atalanta 3-1: la Dea si arrende a Benzema e Ramos, Blancos ai quarti

Al Di Stefano decidono i pilastri del Real, assenti all’andata, con un goal per tempo. Non basta Muriel. Nerazzurri eliminati, avanti il Madrid.

Il sogno Champions League dell’ Atalanta si interrompe agli ottavi di finale. Il Real Madrid batte 3-1 i nerazzurri e si qualifica ai quarti di finale, anche in virtù dello 0-1 ottenuto nella gara d’andata a Bergamo  tre settimane fa. A Valdebebas prova di forza dei Merengues, che sfruttano la maggior esperienza internazionale e un tasso tecnico superiore. Anche al netto delle assenze.

Con Casemiro squalificato, Zidane gira il triangolo a centrocampo: Valverde trequartista con Modric e Kroos alle sue spalle. La difesa è a tre, con Lucas che scala a destra e Nacho sul centro-sinistra ad aprirsi. Vinicius Junior in avanti a fianco di Benzema. Gasperini sceglie due trequartisti come Pasalic e Malinovskyi dietro un’unica punta cioè Muriel, con Ilicic e Duvan Zapata in panchina. Pessina arretra sopperendo all’assenza per squalifica di Freuler.

L’Atalanta parte fortissimo, costringendo il Real nella sua metà campo nei primi cinque minuti, producendo anche un’occasione per Gosens, che da vicino calcia su Courtois. Alla lunga escono i Blancos, soprattutto grazie alla tecnica di Benzema e gli scatti di Vinicius, appoggi fondamentali per uscire dal pressing nerazzurro.

La seconda metà del primo tempo è più di marca Madridista: Djimsiti si immola per tenere in piedi l’Atalanta su Vinicius, ma un rilancio sbilenco di Sportiello regala a Modric e Benzema la combinazione che vale l’1-0 segnato dal nueve.

Gasperini in avvio di ripresa si gioca la carta Zapata, sacrificando Pasalic. In difesa però i nerazzurri soffrono le avanzate del Real, che guadagna metri e allunga le mani sulla partita: il timbro del 2-0 ce lo mette Sergio Ramos di rigore, dopo un fallo di Toloi su Vinicius.

Qualità in cattedra per gli uomini di Zidane. Rimpianti nerazzurri, con Zapata che ha due palloni per riaprire i giochi ma spara su Courtois due volte. Muriel nel finale prova a dare speranza con una punizione magistrale, ma un minuto dopo (e con due cambi confusi in mezzo) il neo entrato Asensio fa 3-1 e manda in archivio la partita. La strada del Real continua, la Dea si ferma agli ottavi.

IL TABELLINO

REAL MADRID-ATALANTA 3-1

Marcatori: 34′ Benzema, 60′ rig. Sergio Ramos, 83′ Muriel, 85′ Asensio

REAL MADRID (3-4-1-2): Courtois 6.5; Varane 6, Sergio Ramos 7 (64′ Militao 5.5), Nacho 6.5; Lucas Vazquez 6.5, Modric 7, Kroos 6.5, Mendy 6; Valverde 5.5 (82′ Asensio 6.5); Benzema 7.5, Vinicius Junior 7 (69′ Rodrygo 6). All. Zidane.

ATALANTA (3-4-2-1): Sportiello 4.5; Toloi 5.5 (61′ Palomino 6), Romero 5.5, Djimsiti 6; Maehle 5, Pessina 6.5 (84′ Caldara s.v.), De Roon 6, Gosens 5.5 (57′ Ilicic 5); Malinovskyi 5.5, Pasalic 6 (46′ Zapata 5.5); Muriel 6 (84′ Miranchuk s.v.). All. Gasperini.

Arbitro: Danny Makkelie

Ammoniti: Valverde, Toloi, Nacho, Kroos.

Espulsi:

Next Post

Rudiger: "Volevo il PSG e mi chiamò Mourinho. Poi..."

Mar Mar 16 , 2021
L'ex centrale della Roma spiega la sua stagione piena di incertezze
P