Roma-Spezia, il Giudice Sportivo delibera lo 0-3 a tavolino

Il Giudice Sportivo certifica l’errore della Roma sul numero di cambi e delibera la sconfitta a tavolino dei giallorossi per 0-3.

Tutto come previsto. Il Giudice Sportivo conferma il clamoroso errore commesso dalla Roma in occasione della gara di Coppa Italia contro lo Spezia ed infligge l’inevitabile 0-3 a tavolino ai giallorossi.

Il Giudice Sportivo ricorda come “il Comunicato Ufficiale pubblicato il 9 settembre 2020 consente l’effettuazione di un massimo di cinque sostituzioni per ciascuna squadra nelle gare delle competizioni organizzate dalla Lega Nazionale Professionisti Serie A programmate fino al termine della stagione 2020/2021 e che tale limite non soffre eccezioni nell’eventualità di disputa di tempi supplementari durante i quali è consentita esclusivamente una quarta interruzione, rispetto alle tre stabilite per i tempi regolamentari, per consentire sostituzioni (solo nel caso in cui al termine dei tempi regolamentari siano stati sostituiti meno di cinque calciatori)”.

La Roma invece durante i tempi supplementari contro lo Spezia ha provveduto alla sostituzione di altri due giocatori, dopo averne cambiati quattro nei tempi regolamentari per un totale di sei sostituzioni. Cosa espressamente vietata.

In base “all’art. 10 comma 1 CGS la società ritenuta responsabile di fatti o situazioni che abbiano influito sul regolare svolgimento di una gara, o che ne abbiano impedito la regolare effettuazione, è punita con la perdita della gara stessa con il punteggio di 0‐3 o con il punteggio eventualmente conseguito sul campo dalla squadra avversaria, se a questa più favorevole”.

Il Giudice Sportivo dunque cancella il 2-4 maturato sul campo e delibera di infliggere alla Roma la perdita della partita per 0-3 a tavolino.

Next Post

Villas Boas su Milik: "Ci serviva, ma non gioca da tanto"

Ven Gen 22 , 2021
Con il flop di Henrique e il momento no di Bendetto il polacco scala le gerarchie, ma quel ritmo partita...
P