Crisi nera per Cristiano Ronaldo: zero goal nel 2022, mai così male dal 2010

Per Ronaldo, partito dalla panchina a Burnley, si può parlare di crisi profonda: altra gara senza goal e il rapporto con Rangnick che non decolla.

Era difficile da pronosticare, quasi impossibile, eppure il ritorno di Cristiano Ronaldo al Manchester United si sta rivelando un’esperienza che oseremmo definire ‘dimenticabile’: i ‘Red Devils’ si trovano fuori dalla zona Champions in Premier e, nonostante la qualificazione ottenuta agli ottavi da primi del girone, faticano enormemente tra i confini nazionali.

Lo specchio della crisi della squadra è il volto deluso dell’asso portoghese, lasciato in panchina da Rangnick nell’ultima trasferta di Burnley: la rete di Pogba non è bastata per fare meglio dell’1-1 finale, risultato che acuisce le difficoltà nella corsa per la conquista di uno dei primi quattro posti in classifica.

Ma torniamo a Ronaldo e al suo inizio di 2022 letteralmente da incubo: sono ancora zero le reti messe a segno nel nuovo anno ma, il dato più preoccupante, riguarda l’assenza di marcature in cinque gare consecutive di campionato, evento che non si verificava addirittura dal 2010 quando l’ex Juventus vestiva la maglia del Real Madrid.

Digiuno che si allunga se al computo totale aggiungiamo anche l’eliminazione dalla FA Cup per mano del Middlesbrough, vittorioso ai calci di rigore: in realtà un’occasione per timbrare il cartellino Ronaldo l’aveva avuta nei tempi regolamentari, calciando a lato un penalty che avrebbe potuto regalare vittoria e qualificazione allo United.

In più, a rendere la vita complicata a Ronaldo, vi è il rapporto tutt’altro che idilliaco con Ralf Rangnick, che aveva motivato così l’esclusione del lusitano dall’undici titolare anti-Burnley.

“Oggi serviranno molti sprint, bisognerà lottare su tutti i secondi palloni. Il profilo che meglio si addice a questo è quello di Cavani, ragion per cui il titolare sarà lui”.

Insomma, una bella gatta da pelare per Ronaldo che sembra aver smarrito la verve di inizio stagione, quando il killer instinct sottoporta non aveva le sembianze di un problema duro a morire.

Next Post

Martial e il 'no' a Juventus e Barcellona: "Siviglia il meglio per me"

Mer Feb 9 , 2022
L'attaccante francese conferma il 'no' a Juventus e Barcellona a gennaio: "Ho scelto il Siviglia per conquistare i Mondiali con la Francia".

Da leggere

P