È morto l’ex arbitro Alberto Michelotti: in Serie A ha diretto 145 partite

L’ex fischietto è scomparso all’età di 91 anni. Il ricordo del Parma, dove aveva giocato da giovane: “Un simbolo della parmigianità”.

Nelle stesse ore in cui il Real Madrid piange la morte di Francisco Gento, l’Italia e il mondo arbitrale ricordano commossi Alberto Michelotti: l’ex fischietto italiano, tra i più celebri della Serie A negli anni Settanta, è scomparso all’età di 91 anni.

A comunicarlo è stato il Parma, il club dove un giovane Michelotti aveva giocato “nelle formazioni giovanili, principalmente come portiere, ma non solo”.

“Michelotti – lo ricorda il club ducale – era un figlio dell’Oltretorrente, il quartiere della vecchia Parma, dove era nato, era cresciuto e ha vissuto. È stato uno degli autentici simboli della parmigianità, quella sanguigna, combattente, impetuosa e passionale, che la storica maglia bianca con la croce nera incarna. Lui, lo sottolineava sempre, con le sue battute in vero dialetto pramzàn”.

Sono 145 le presenze in Serie A collezionate da Michelotti, la prima nel 1968. Nel 2019 è stato inserito nella Hall of Fame del calcio italiano, in compagnia – tra gli altri – di altri grandi fischietti della storia della Serie A come Pierluigi Collina, Sergio Gonella e Nicola Rizzoli.

Next Post

Serie B, Giudice Sportivo: nove squalificati per un turno

Mar Gen 18 , 2022
Tre club con una doppia assenza

Da leggere

P