Evra e l’omosessualità nel calcio: “Ci sono almeno due gay per squadra”

Il racconto dell’ex terzino francese: “Quando ero in Inghilterra alcuni colleghi hanno minacciato di lasciare anche il club”.

Sulle colonne di ‘Le Parisien’, Patrice Evra torna a parlare di uno dei temi più delicati nel mondo del calcio attuale, quello dell’omosessualità.

L’ex terzino di Juventus e Manchester United presentando la sua autobiografia ha risposto alle domande dei lettori e svelato un retroscena risalente ai tempi del Manchester United.

“Nel mondo del calcio è tutto chiuso. Quando ero in Inghilterra, hanno portato qualcuno a parlare con la squadra dell’omosessualità. Alcuni dei miei colleghi hanno detto ‘è contro la mia religione, se c’è un omosessuale in questo spogliatoio, devo lasciare il club’ e altri commenti di questo tipo”.

Evra poi ha aggiunto di aver anche condiviso lo spogliatoio con giocatori omosessuali.

“Ho giocato con giocatori gay. Faccia a faccia, si sono aperti con me perché hanno paura di parlare diversamente. Ci sono almeno due giocatori per club che sono omosessuali ma nel mondo del calcio, se lo dici, è finita”.

L’unico giocatore omosessuale in attività ad aver fatto coming out è Josh Cavallo, difensore dell’Adelaide United, club australiano.

Next Post

Il Napoli ritrova Osimhen: allenamento in gruppo

Mer Gen 12 , 2022
Osimhen è tornato ad allenarsi coi compagni: l'attaccante del Napoli, dopo essere guarito dal Covid, procede nel recupero dall'infortunio al volto.
P