Il Bari rinvia la festa, cinquine per Reggiana e Foggia

La squadra di Mignani manca il primo match point per il ritorno in Serie B pareggiando senza reti al “San Nicola” contro la Fidelis Andria, ma il Catanzaro resta a -10. I granata mettono pressione sul Modena, show della squadra di Zeman.

In attesa dell’impegno del Modena, prima nel girone B, nel posticipo del lunedì in casa contro l’Ancona, il 34° turno è stato poco propizio per due capolista su tre dei gironi della Serie C 2021-2022.

Dopo il ko del Sudtirol contro la Feralpisalò, che è costato alla squadra di Javorcic, dominatrice della stagione, il riavvicinamento del Padova, vittorioso 3-1 sul Piacenza e ora a -4 dal primo posto del girone A a quattro turni dalla fine della stagione regolare, il Bari (C) ha mancato il primo match point per il ritorno in Serie B.

In un San Nicola stracolmo, con 24.332 paganti, record per la categoria negli ultimi dieci anni, la squadra di Mignani non è andata oltre lo 0-0 nel derby contro la Fidelis Andria penultima in classifica. La festa comunque sembra solo rinviata per i biancorossi, che conservano 10 punti di vantaggio sul Catanzaro secondo, bloccato sull’1-1 in casa della Juve Stabia. Riparte l’Avellino (1-0 in casa del Picerno con gol di Kragl), delude il Palermo bloccato sul 2-2 dalla Paganese, mentre il Foggia di Zeman travolge il Campobasso (5-2) e si rilancia in zona playoff.

Nel girone B la Reggiana mette pressione sul Modena travolgendo per 5-2 l’Imolese e portandosi a -2 dal primo posto con una partita in più. Buon debutto per Gabriele Baldassarri sulla panchina della Fermana, che impone il 2-2 al Cesena terzo in classifica.

Next Post

Pinilla nei guai: su di lui un'indagine della Procura cilena

Dom Mar 27 , 2022
Accuse di natura fiscale per l'ex giocatore di Serie A
P