Inter e Milan, la risposta sul nuovo stadio: “Avanti insieme, ma pronti a valutare alternative”

Arriva la risposta, tramite una nota ANSA, di Inter e Milan in merito alla continuazione del progetto del nuovo stadio che dovrebbe sorgere sempre a San Siro.

Inter e Milan, i due club di Milano che stanno tentando di costruire un nuovo stadio di proprietà dove al momento sorge lo storico San Siro, affidano a una nota dell’ANSA la loro reazione dopo le dichiarazioni del Sindaco Beppe Sala, che aveva garantito sull’avanzamento dei lavori del progetto della Cattedrale. Questa mattina la Gazzetta dello Sport aveva sottolineato le difficoltà burocratiche di tale progetto, con le due squadre pronte a valutare come alternativa Sesto San Giovanni, al capolinea della M1 e non nella città di Milano.

Nella nota ANSA, Inter e Milan ribadiscono di voler continuare con l’attuale progetto, da far sorgere dove al momento si trova il Meazza, ma solo avendo la certezza delle tempistiche, altrimenti, riporta sempre l’ANSA, saranno pronti a valutare sedi alternativi.

Nello specifico, si sta proseguendo con “un dialogo costruttivo con il Comune di Milano, ma la priorità assoluta resta un nuovo stadio avendo certezza dei tempi dell’iter amministrativo e per questo siamo aperti a valutare altre soluzioni progettuali”.

La nota prosegue sottolineando che “in merito al progetto del nuovo stadio per Milano, FC Internazionale e AC Milan precisano che stanno proseguendo un dialogo costruttivo con l’Amministrazione Comunale, secondo quanto previsto dall’iter procedurale, con la preparazione di un dossier progettuale funzionale all’avvio del dibattito pubblico, al fine di accelerare il processo per realizzare il nuovo San Siro, all’interno di un più ampio masterplan che prevede un’area riqualificata dedicata allo sport e all’intrattenimento”.

Lo stadio, per Inter e Milan, è una vera e propria priorità per riuscire a raggiungere il livello delle big europee come incassi e sponsorizzazioni. Entrambe le società concludono specificando che “rimane dunque assolutamente prioritario dotarsi di un nuovo stadio, avendo certezza sui tempi dell’iter autorizzativo, rimanendo aperti a valutare altre soluzioni progettuali, qualora non ci fossero le condizioni per riuscire a realizzare il nuovo stadio di San Siro come ipotizzato”.

Le resistenze burocratiche accennate in precedenza riguardano alcuni comitati che sarebbero contro la costruzione del nuovo stadio proprio dove ora sorge il Meazza, come quello di quartiere e gli ambientalisti.

Next Post

Inter, Lautaro Martinez ha ancora estimatori all'estero

Mar Mar 29 , 2022
L'Inter e Lautaro Martinez sono a un bivio nonostante il contratto lungo e pesante. Alcune squadre potrebbero fiondarsi in estate sul Toro, ma poi a decidere saranno i nerazzurri.
P