Le lacrime di Mourinho: “Come la finale di Champions per il Real”

La commozione del tecnico della Roma dopo la conquista della finale di Conference League ai danni del Leicester: “Un traguardo enorme e meritato per la nostra gente”.

José Mourinho fa un altro passo verso la storia del calcio, diventando il primo allenatore ad arrivare in finale di una coppa europea con quattro squadre differenti.

Dopo Porto (Champions e Uefa), Inter (Champions) e Manchester City (Europa League), ecco l’ultimo atto della Conference League alla guida della Roma grazie al’1-0 sull Leicester nella semifinale di ritorno dopo l’1-1 dell’andata.

A Tirana il 25 maggio l’avversario sarà il Feyenoord , ma intanto lo Special One si gode il traguardo raggiunto usando toni trionfalistici ai microfoni di ‘Dazn’: “La storia della Roma è una storia di sofferenza, non vince tanto e il numero di finali non rispetta la dimensione sociale incredibile del club: per noi questa finale vale quella di Champions conquistata dal Real Madrid . È la nostra competizione”.

Il tecnico portoghese si è anche commosso a fine gara: “Sì, perché una squadra che vince sempre è sempre contenta di farlo, ma per una che non vince mai o non arriva mai in finale è qualcosa di incredibile. Non la sento come una finale in più per me, sono contento per i miei giocatori, per i proprietari che sono nel calcio da poco, per i tifosi, per la gioia della gente romanista”.

“Giocare 14 partite di Conference il giovedì ci è costato tanti punti nelle domeniche successive – ha aggiunto Mou – Ma siamo una squadra molto intelligente, abbiamo fatto la partita che si doveva fare, posso solo ringraziare i miei giocatori per questa felicità”.

E c’è anche spazio per i complimenti al Real Madrid  di Ancelotti per la finale di Champions raggiunta: “Sono contento per lui e so che lui è contento per il suo amico José. Lui ha la sua finale, io la mia: vediamo se questi due giovani allenatori possono vincere qualcosa”.

Next Post

Mourinho: "Mi è uscita una lacrima perché..."

Ven Mag 6 , 2022
Il tecnico della Roma emozionato per il raggiungimento della finale di Conference League
P