Mourinho: “Siamo ai quarti e non perdiamo da nove partite, sono contento”

Le dichiarazioni del tecnico giallorosso al termine della sfida in Conference League contro il Vitesse

Nove risultati utili consecutivi: la Roma di Mourinho vola ai quarti di Conference League e pensa già al derby della Capitale, domenica all’Olimpico. 

Ecco le parole del tecnico giallorosso dopo la vittoria contro il Vitesse, conquistata grazie al gol di Tammy Abraham nei minuti di recupero: “Le partite sono così, uno passa e uno va a casa, noi andiamo al sorteggio. Abbiamo dei limiti, però qualche mese si parlava di noi e si diceva che non avevamo capacità di riuscire a controllare un risultato tipo contro la Juventus, adesso si parla che abbiamo capacità di resistere, abbiamo qualità ma non penso che sarà una cosa eterna. In questo momento c’è quest’aura positiva, sono 9 partite che non perdiamo. Stavamo 1-0, era una situazione rischiosa, altre squadre avrebbero difeso per andare ai supplementari, mentre noi abbiamo cercato di chiuderla nei 90 minuti”:

Vitesse – “Sono stati bravi, c’è questa tendenza a dire che sono scarsi ma io ti dico che non conoscevo il nome di Letsch prima della partita, ti dico che è bravissimo. Loro hanno giocato in maniera fantastica, i tre difensori e il posizionamento di Dasa è merito loro. Sono contento perché abbiamo passato il turno, non sono contento perché la Lazio sta fumando la sigaretta con Sarri e noi abbiamo giocato con tanti giocatori che giocheranno domenica. Letsch è un bravo tecnico”.

Stanchezza? –“Una squadra stanca non segna mai all’ultimo minuto, se adesso si parla di noi che facciamo gol sempre all’ultimo ci sarà un motivo”.

Derby – “Arriviamo con 8 o 9 partite senza perdere. Non stiamo giocando bene, ma con tutte le nostre limitazioni questo è un dato positivo”.

 

Next Post

Milanello, retroscena Seedorf: dormiva nella stanza di Berlusconi

Ven Mar 18 , 2022
“A differenza di tutti gli allenatori che hanno sempre occupato la camera numero 5, l’olandese stava in quella del presidente senza autorizzazione”, ha svelato l’ex ad Galliani; e a Calabria hanno negato l’accesso in macchina al primo ingresso nel centro sportivo. Sono alcuni degli aneddoti emersi nel corso della presentazione del libro “Milanello, la casa del Diavolo” scritto dal giornalista Peppe Di Stefano
P