Reggina, presentato Inzaghi: “Ai tifosi chiedo pazienza, abbiamo potenziale”

Arrivato in una piazza difficile, Inzaghi si dimostra determinato fin da subito nel suo nuovo progetto a Reggio Calabria.

Filippo Inzaghi è stato ufficializzato come nuovo tecnico della Reggina, in Serie B, dopo la fine della sua esperienza al Brescia. Inzaghi arriva in una società ambiziosa ma che ha avuto molti problemi prima del cambio di proprietà.

Nella giornata di oggi è andata in scena la conferenza stampa di presentazione del nuovo tecnico:

“Sono davvero fiero di essere qui oggi, ero consapevole da dove saremmo dovuti partire in questa società, però rimboccandoci le maniche con questa proprietà e questi tifosi, possiamo lavorare bene e il mio contratto mostra quanto ci creda. Chiedo pazienza all’inizio dato che per essere vincenti serve che tutte le componenti tirino nella stessa direzione, l’inizio sarà difficile e mi spiace giocare le prime due lontane dal nostro stadio perché l’arma in più in questo momento è ovviamente il calore del pubblico. Qui tuttavia ci sono tutte le basi per lavorare bene. Sapete che qualche colpo l’ho ricevuto e mi ha fatto male umanamente per me era complicato ripartire, però qui ho trovato un presidente che ha una grande umanità e una grande voglia di fare bene. Mi ha convinto il fatto che mi sono sentito voluto tantissimo, ero a Formentera con mio figlio e la mia compagna e stavo bene, ero felice di stare fermo e desideravo un periodo di serenità. Se questa società non avesse fatto quello che ha fatto non mi troverei qui. Una volta andavo ovunque a piedi, ma poi ho preso delle mazzate e ho cambiato atteggiamento. Desideravo trovare una proprietà che mi potesse permettere di lavorare serenamente, senza dover pensare ad altro, e questa proprietà ha fatto tutto questo. C’è un progetto triennale, ma ci teniamo a far vedere il prima possibile una Reggina competitiva”.

Inzaghi spende una parola anche per la rosa a disposizione e per il mercato in entrata:

“C’è poco tempo, abbiamo potuto programmare poco e la priorità è quella di costruire la rosa e poi lavorare per creare il gruppo. Proverò a farmi un’idea di chi fra i presenti può far parte della rosa e i giocatori che arriveranno dovranno capire dove vengono, senza farci prendere per la gola, con grande voglia e non per i soldi. Per questo domando di nuovo pazienza alla tifoseria all’inizio. Ci deve essere il giusto mix, poi se uno è bravo gioca anche se è giovane, l’età non conta. Dovrò valutare tutta la rosa, sia quelli che già conosco sia quelli che non conosco, e poi prenderemo delle decisioni su eventuali nuovi acquisti”.

Next Post

Lazio: Provedel come vice-Maximiano, ma ostacolo Spezia

Ven Lug 15 , 2022
Il portiere avrebbe già l'accordo con la squadra di Lotito.
P