Roma, Montella: “Abraham mi è sempre piaciuto, ha spirito di sacrificio”

L’Aeroplanino Vincenzo Montella ha parlato alla Rosea della stagione della Roma e di Tammy Abraham.

L’ex tecnico di Milan e Fiorentina Vincenzo Montella, vincitore di uno Scudetto con la maglia della Roma nel 2001, ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport per parlare dei giallorossi. 

Le prime dichiarazioni sono verso Tammy Abraham, che oggi potrebbe battere il record dell’Aeroplanino come maggior numero di gol segnati nella prima stagione giallorossa (21, come Batistuta):

“I record sono fatti per essere battuti e non mi dispiacerebbe. Ci tengo ai gol segnati in un derby. A me lui è sempre piaciuto, sa attaccare gli spazi e ha fiuto del gol. Pregi? Spirito di sacrificio. Difetti? Deve migliorare nella gestione della palla. Gli auguro di andare al Mondiale e tornare poi alla Roma ancora più forte. Il cambio di modulo con Zaniolo più vicino lo ha aiutato tanto”.

Il legame tra Montella e la Roma è rimasto molto forte nel corso degli anni:

“La seguo sempre così come il calcio italiano in generale. Mi piacerebbe vincesse il Napoli lo scudetto. Tornando alla Roma è un gruppo in crescita e anche Mourinho ha saputo cambiare atteggiamento tattico dimostrando ancora una volta la sua intelligenza. Può lottare per il quarto posto e per la vittoria della Conference League”.

Montella si sofferta brevemente anche sui playoff mondiali, parlando della sfida tra Turchia e Portogallo, le nostre possibili avversarie in caso di successo sulla Macedonia del Nord:

“Sulla carta la partita sembra già indirizzata, ma niente è scontato e questo può valere anche in un’ottica finale con l’Italia, anche se l’esperienza avrebbe il suo peso. Italia? Ho nostalgia ma non parlo di calcio soltanto, dico in generale. La prossima offerta la valuterò al meglio per il progetto senza lasciarmi trasportare”.

Next Post

Florenzi: “Futuro? Ci penserò a fine stagione”

Dom Mar 13 , 2022
Il giocatore del Milan, in prestito dalla Roma, si concentra sul campionato che vede i rossoneri nel testa a testa con Inter e Napoli
P