Sampdoria, Giampaolo: “Serve consapevolezza, vogliamo lottare”

Giampaolo insiste molto sulla consapevolezza che la sua squadra deve avere per affrontare il Derby della Lanterna. Questa gara potrebbe decidere la stagione della Samp.

Il tecnico della Sampdoria Marco Giampaolo ha preso la parola in conferenza stampa per presentare la sfida contro il Genoa valida per la 35° giornata di Serie A. La Sampdoria ha vinto 3-1 la gara d’andata contro il Genoa. Solo una volta nell’era dei tre punti a vittoria (dal 1994/95) i blucerchiati hanno sconfitto i rossoblù in entrambe le partite in una stagione di Serie A: nel 2016/2017, sempre con Marco Giampaolo in panchina. 

Queste le sue parole:

“Bisogna avere la consapevolezza di quello che questa partita rappresenta, e i giocatori lo sanno bene. Questa gara vale tre quarti di stagione per tutte e due le squadre, un campionato. Devo essere certo che i calciatori siano consapevoli della partita che serve giocare.  Ci sono ancora 360 minuti che sono di fondamentale importanza. È difficile per noi ma è ancora più dura per chi sta dietro. Non abbiamo paura, solo la consapevolezza di essere protagonisti e di dover essere all’altezza del momento in cui ci troviamo. Ci siamo allenati benissimo, siamo pronti. Rincon è squalificato, Ekdal iinvece è recuperato. Caputo ha preso un pestone, ma è ok. Lo abbiamo tenuto a riposo un giorno. Quagliarella è un valore immenso. Oggi le gare si giocano in 16, non è detto che chi entra dalla panchina abbia meno valore di chi parte dall’inizio. Questo pensiero va distrutto. Ho 23 giocatori di cui 16 titolari. Il campionato è davvero equilibrato. Ci sono risultati che nessuno si poteva immaginare, come per esempio l’Inter che perde a Bologna, o che la Salernitana facesse 9 punti in 3 giornate. Che per noi fosse una Serie A dove avremmo dovuto lottare fino all’ultimo ne sono sempre stato convinto, pure dopo Venezia”.

Next Post

Lazio, iniziati i discorsi per due rinnovi

Ven Apr 29 , 2022
I biancocelesti iniziano a trattare i rinnovi di Patric e Lucas Leiva, le cui situazioni sono molto differenti.
P