Sarri si accontenta: “Quattro mesi fa sarebbe andata peggio”

L’allenatore della Lazio plaude la squadra nonostante la sconfitta contro il Porto nell’andata del playoff di Europa League: “La qualificazione è ancora possibile, sono soddisfatto per prestazione e personalità che abbiamo mostrato”.

(Photo by Giuseppe Maffia/NurPhoto via Getty Images)

Lazio rimontata e sconfitta dal Porto nell’andata del playoff di Europa League.

Al gol di Mattia Zaccagni ha risposto la doppietta di Toni Martinez a cavallo dei due tempi.

La qualificazione è però ancora in bilico, ma Maurizio Sarri, intervistato da ‘Sky Sport’ al termine della gara, ha plaudito soprattutto la prestazione offerta dalla squadra: “Abbiamo fatto una buona partita giocando con personalità e questo è importante. Il Porto è una squadra forte e le italiane lo sanno bene. Dispiace che il primo tempo sia finito 1-1 perché abbiamo avuto le occasioni per raddoppiare e peccato anche per come è arrivato il secondo gol, è stata una deviazione involontaria, un gol casuale. L’approccio al secondo tempo doveva essere più cattivo, ma comunque abbiamo avuto due occasioni per il pareggio. Ci sono spiragli per il ritorno”.

L’ex allenatore della Juventus vede passi avanti nella squadra: “La difesa ha fatto molto bene, il Porto è una squadra pericolosa quando attacca. Questa partita quattro mesi fa ci avrebbe messo in grande difficoltà”.

Ha pesato l’assenza di Ciro Immobile, sostituito da Felipe Anderson e Pedro che si sono alternati nel ruolo di falso centravanti: “Pedro e Felipe mi hanno chiesto se potevano inventirsi i ruoli e ho detto di sì perché non cambiava nulla. Giocare senza un centravanti di ruolo non è mai facile”.

 

Next Post

Meret: "Contento del risultato, è ancora tutto aperto. Sul rigore..."

Ven Feb 18 , 2022
Il portiere degli azzurri interviene in conferenza dopo il pareggio di Europa League tra il suo Napoli e il Barcellona.
P