Sliding doors per Hakimi: “Nel 2018 aveva firmato un contratto con l’Alavés”

Oggi è uno dei laterali più forti al mondo: la carriera del giocatore del PSG poteva essere diversa, stando a un retroscena di mercato.

Oggi non ha proprio bisogno di presentazioni: Achraf Hakimi è uno dei giocatori più forti al mondo nel suo ruolo, capace di “arare la fascia” come nessuno, o pochi altri.

Cresciuto nel Real Madrid, ha poi trovato la svolta della sua carriera nel 2018, quando è passato in prestito biennale al Borussia Dortmund, affermandosi e confermandosi.

Il trasferimento all’Inter è stata la definitiva consacrazione: con Antonio Conte in panchina ha vinto l’ultimo Scudetto nerazzurro, risultando determinante in più occasioni.

In estate è poi passato al PSG, ultima tappa in ordine di tempo della sua carriera che, a 23 anni, sembra aver ancora molto da dire: c’è stato, come spesso accade, un momento da “sliding doors”.

Sempre nel 2018, poco prima del passaggio al Dortmund, Hakimi era stato accostato all’Alavés nell’ottica sempre di una cessione dal Real Madrid.

“L’Alavés ha seguito parecchi giocatori che hanno avuto una carriera incredibile: Achraf Hakimi, ad esempio”.

Intervenuto ai microfoni di Radio MARCA, Sergio Fernandez, direttore sportivo dei baschi, ha raccontato il retroscena di mercato.

“E’ venuto anche a Vitoria per firmare il contratto con l’Alavés nello stesso periodo in cui è stato ceduto al Borussia Dortmund”.

Poi, però, arrivati all’ultima firma l’affare non si concretizzò. Oggi è diventato quel che è: imprendibile sulla fascia, inseguito dagli avversari e dai Top club europei.

Next Post

Lautaro vs Leao, chi deciderà il derby? La parola a Francesco Coco

Gio Feb 3 , 2022
Lautaro Martinez e Rafael Leao sono giocatori molto diversi, ma hanno una caratteristica in comune: entrambi possono fare la differenza. Francesco Coco spiega in che modo possono riuscirci e perché si parlerà molto di loro due in futuro.
P