Chelsea, Jorginho: “Sorpresi dal cambio di allenatore”

Mercoledì il Chelsea affronterà la prima partita dell’era Graham Potter, ma la conferenza pre-partita è stato dominata da domande sull’esonero di Tuchel.

Il centrocampista del Chelsea Jorginho ha dichiarato che l’esonero di Thomas Tuchel è stato una “sorpresa”, rivelando che i giocatori dei Blues si sentono in parte responsabili della sua uscita di scena.

Il tecnico tedesco è stato licenziato la scorsa settimana in seguito alla sconfitta a sorpresa contro la Dinamo Zagabria in Champions League, che ha fatto seguito alle sconfitte in Premier League contro il Southampton e il Leeds United durante un inizio di stagione poco soddisfacente.

Il Chelsea si è subito mosso per nominare Graham Potter come successore di Tuchel a Stamford Bridge, con la prima partita sotto la sua guida mercoledì contro il Salisburgo sempre in CHampions.

Con il rinvio della Premier League della scorsa settimana in seguito alla morte della Regina Elisabetta II, la conferenza stampa di oggi ha rappresentato la prima occasione per fare domande sul cambio di gestione.

Jorginho ha ammesso che si tratta di una cosa a cui si è abituato, con Potter che è il quarto tecnico del Chelsea sotto cui ha lavorato, ma dice di essere stato colto di sorpresa dall’ultimo cambio.

“Sta succedendo spesso, come tutti sanno. Ci stiamo adattando al nuovo allenatore, siamo entusiasti di lavorare con lui e con il suo staff. I primi giorni sono stati abbastanza buoni”, ha detto. “Naturalmente ci siamo trovati benissimo con Thomas, apprezziamo tutto quello che ha fatto per noi, per il club, per i tifosi, ora abbiamo una nuova sfida da affrontare e siamo molto eccitati”.

“È stata una sorpresa per tutti. Quello che è stato detto tra i giocatori rimarrà lì, mi dispiace. Si parla sempre di quello che è successo, ma ora ci sono le partite e la vita è veloce, quindi non abbiamo molto tempo per stare a pensare. Dobbiamo concentrarci su quello che dobbiamo fare”.

A Jorginho è stato poi chiesto delle ripetute critiche di Tuchel alla squadra nel periodo precedente alla sua partenza, e il centrocampista ha ammesso che c’è del lavoro da fare.

“Era una sua sensazione, l’ha detto anche a noi. Abbiamo cercato di fare quello che potevamo, abbiamo cercato di fare del nostro meglio, è quello che facciamo”, ha aggiunto. “Purtroppo non funzionava più e la sfida ora è ricostruire la fiducia perché il Chelsea è un grande club, abbiamo molto lavoro da fare e per farlo dobbiamo lavorare con tutti che vanno nella stessa direzione”.

“Ovviamente ci sentiamo responsabili, eravamo una squadra, non è una sola persona ad essere responsabile di quello che è successo, tutti sono responsabili”.

Next Post

Calciomercato, Skriniar: parla Galtier e svela il retroscena inaspettato

Mar Set 13 , 2022
Il tecnico del Paris Saint Germain, Cristophe Galtier, parla della trattativa di calciomercato per Milan Skriniar, difensore dell’Inter
P