Inter, Simone Inzaghi: “Sarà più difficile dello scorso anno, ma è un’opportunità”

Il tecnico nerazzurro presentqa la difficilissima gara col Bayern. Lucidità e presenza le chiavi della gara, che può essere una bella occasione dopo il ko col Milan.

Il tecnico dell’Inter Simone Inzaghi ha preso la parola in conferenza stampa per presentare la sfida contro il Bayern Monaco, gara che si disputerà a San Siro e valida per l’esordio della fase a gironi di Champions League.

Le ultime 10 partite dell’Inter contro squadre tedesche in Champions League hanno visto un totale di 39 gol segnati (19 a favore, 20 subiti), con una media di 3,9 a incontro. Le ultime tre di queste gare hanno visto entrambe le formazioni realizzare almeno due reti (2-3 v Borussia Dortmund nel 2019/20, 2-2 e 3-2 v Borussia Mönchengladbach nel 2020/21).

Queste le parole di Inzaghi:

“E’ findamentale il sostegno dei nostri tifosi. Siamo consapevoli che domani saranno di grande aiuto. Conosciamo la capacità del Bayern. Abbiamo un girone davvero complicato ma la gara di domani sera sarà un’opportunità dato che viene dopo una sconfitta come quella di sabato del derby.
Parlare di singoli dopo il ko di sabato credo non sia giusto. E’ ovvio che tutti quanti dobbiamo crescere di condizione. Sulla formazione ho molti dubbi. Manca pure un allenamento, ricontrollerò i dati di questa mattina. Serve fare 10 punti in questa prima fase. E’ certamente più complicato della scorsa stagione. Ma siamo l’Inter. Deve essere un’opportunità giocare contro il Bayern, che è tra le 4 favorite per la vittoria finale”.

Una parola anche sul derby perso 3-2 contro il Milan nella scorsa giornata di Serie A:

“Le sconfitte serve che diventino delle possibilità. Quella col Milan è stata analizzata. In certi frangenti l’Inter ha fatto meglio, in altri il Milan. E loro hanno siglato una rete in più. Abbiamo avuto un passaggio a vuoto, una formazione come la nostra non può concedere 3 gol. Avremmo meritato il pareggio per le occasioni create nel finale. Serve lavorare di più”.

Inzaghi analizza anche i recenti pareggi del Bayern Monaco, cosa che potrebbe lasciare uno spiraglio di positività in vista della gara di San Siro:

“Ho visto le ultime due gare. A livello di numeri non c’è stata partita. Poi sono stati bravi quelli dell’Union Berlino e del Moenchengladbach a stare in campo con aggressività, che è una delle caratteristiche che rendono il Bayern una delle big europee”.

Next Post

Monza: confermata fiducia a Stroppa

Mar Set 6 , 2022
Lo annuncia l'amministratore delegato Galliani.
P