Lite con Majer, Meggiorini in lacrime. L’avversario: “Mi dispiace”

Nel finale di Lecce-Vicenza, l’attaccante in lacrime dopo gli insulti dell’avversario. Che ha chiesto scusa: “Si dicono cose che non si pensano”.

Arrivano via Instagram le scuse di Zan Majer, centrocampista sloveno del Lecce sotto attacco da parte dei social per quanto successo nei secondi finali del match contro il Vicenza, vinto dai giallorossi ed utile a portare la squadra pugliese in testa alla classifica. Nel mirino dei tifosi le male parole nei confronti di Riccardo Meggiorini.

L’attaccante del Vicenza e il centrocampista del Lecce si sono beccati per qualche secondo dopo un contrasto tra altri compagni, che ha portato Majer a colpire duramente l’avversario riguardo alla scomparsa della madre di Meggiorini, venuta a mancare nel 2017:

“Sono andato a spingere via un loro giocatore perchè c’era stata una rissa a centrocampo, ma sono volati insulti poco carini e quando si vanno a toccare gli affetti personali, che magari non ci sono più, dà fastidio. Sono stato insultato più volte”.

Meggiorini è scoppiato in lacrime intorno al 94′, consolato dall’avversario e capitano del Lecce, Lucioni. Tempesta social su Majer (orfano dei genitori), che ha voluto evidenziare il momento agonistico. Con tanto di scuse sentite, dopo averle fatte personalmente al giocatore di Brocchi:

“A volte in campo si dicono cose che non si pensano, solo per agonismo e nervosismo. Ma così come ho fatto personalmente a fine partita a Riccardo, voglio pubblicamente chiedere scusa a Meggiorini. Mi dispiace davvero tanto”

Insieme all’episodio Meggiorini-Majer, che i due giocatori provano a superare, i social italiani si sono concentrati anche una vecchia questione del primo su Paul Pogba, relativi al 2013 e all’era bianconera del centrocampista francese.

Next Post

L'Atalanta perde Miranchuk per infortunio: lesione al bicipite della coscia sinistra

Gio Gen 27 , 2022
Brutto stop per il centrocampista russo: l'infortunio muscolare alla coscia sinistra potrebbe tenerlo lontano dai campi per circa 20 giorni.
P